Questa storia è sorprendente… Le sorelle Maîtress sono state separate nel 2006: cosa è successo ai gemelli siamesi dopo?

Erin e Jake Herrin vivono a Salt Lake City, nello Utah, e attendevano con impazienza l’arrivo delle loro gemelle. Quando Kendra e Malaya sono nate il 26 febbraio 2002, hanno scoperto qualcosa di inaspettato: erano gemelle siamesi. Le ragazze erano collegate nella regione addominale e condividevano organi vitali come il colon, la vescica, il fegato, un solo rene e un paio di gambe.

Нет описания.

Anche se i medici avevano consigliato di interrompere la gravidanza, Erin ha scelto di continuare la gravidanza, affascinata dai volti delle sue future figlie sullo schermo della risonanza magnetica. Quando le ragazze avevano quattro anni, l’amore di Erin e Jake per le loro figlie è cresciuto ulteriormente e hanno parlato con i medici della possibilità di una separazione. Anche se il procedimento comportava rischi significativi, offriva alle ragazze la speranza di una vita indipendente. La decisione di separarsi ha posto molta pressione sulla famiglia.

Si prevedeva che Kendra dovesse mantenere il rene condiviso mentre Malaya doveva subire un trapianto. Alla fine, hanno deciso di sottoporsi all’operazione e hanno affidato la loro fiducia a un team di medici esperti. Dopo una separazione riuscita, Kendra e Malaya hanno iniziato una difficile riabilitazione. Statisticamente, le possibilità che entrambe sopravvivessero erano basse, solo del 25%, ma le sorelle non hanno rinunciato. Hanno imparato a camminare di nuovo con una gamba ciascuna e hanno affrontato le sfide della vita con resilienza.

Tuttavia, si sono verificate difficoltà quando Malaya ha avuto bisogno di un trapianto di rene. Senza esitazione, sua madre si è offerta come donatrice. Nonostante il successo iniziale, Malaya ha alla fine avuto bisogno di un altro trapianto, questa volta da un donatore anonimo. I gemelli hanno ora vent’anni e esprimono la loro gratitudine ai loro genitori per la loro decisione.

Appassionata di design grafico, Malaya continua a perseguire la sua passione all’università e approfitta dell’opportunità di tracciare il suo proprio cammino. La sua storia sottolinea l’importanza di accettare l’individualità e perseguire i propri sogni – testimonianza della sua determinazione inossidabile.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA