Diana aveva speso tutti i suoi risparmi per comprare il completo da sposo per suo figlio e non vedeva l’ora di vedere la sua reazione quando lo avrebbe sorpreso a casa.

Quando Arnold vede sua povera madre al suo matrimonio, diventa furioso perché le ha detto di non venire. Gli consegna un regalo e gli fa un brindisi, e Arnold scoppia in lacrime e cade in ginocchio il minuto successivo.

“Ah, guarda, qualcuno sta uscendo dal caffè sorridendo. Guarda come arrossisce!” disse il capo di Diana mentre una risata si diffuse nella cucina del caffè.

“Saremo lì, Signorina Diana. A che ora è il matrimonio?” chiese un collega mentre altri si affollavano intorno a Diana, che non riusciva a smettere di arrossire.

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexels
“È alle 11 del mattino di questa domenica. Non vedrò l’ora di vedervi tutti in chiesa.”

La sessantenne era una donna delle pulizie al caffè. Aveva preso mezza giornata libera per comprare il miglior abito da sposa per il suo unico figlio, Arnold. Diana aveva passato molto tempo a cercare il completo blu. Era piuttosto costoso, ma lei non se ne preoccupava. “Il mio ragazzo deve avere il meglio!” pensò.

Diana aveva speso tutti i suoi risparmi per comprare il completo del figlio, e non vedeva l’ora di vedere la sua reazione quando lo avrebbe sorpreso a casa…

“Non vedo l’ora di vederlo sposarsi!” pensò Diana. Aveva aspettato con impazienza questo momento da quando Arnold le aveva parlato dei suoi piani di sposarsi con la sua ragazza, Masha.

“Figlio, guarda cosa ho per te!” Diana esplose nella loro casa, completo in mano e un sorriso raggiante sul viso. “Sono sicura che ti piacerà! Puoi provarlo, per favore? Il venditore mi ha assicurato che potevo ancora cambiarlo se c’era qualcosa che non andava con la taglia.”

Arnold si allontanò per gettare il regalo di sua madre che pensava fosse “immondizia”, ma fu interrotto dalla sua voce al microfono.

Prese il completo dalla borsa e lo mostrò ad Arnold, che si aggrottò. Non era contento.

“Non indosserò un completo così ordinario per il mio matrimonio. Sto per sposare la figlia di un uomo ricco e devo essere al meglio. Sarei ridicolo in quel completo economico.”

Gli occhi di Diana cominciarono a riempirsi di lacrime. Fingeva che tutto andasse bene, ma le parole di suo figlio la fecero tacere. Era delusa, e il suo cuore si sentiva pesante.

Ma niente la schiacciò più di quando Arnold le disse: “Un’altra cosa… Non voglio che tu venga al mio matrimonio. Tutti dalla ricca famiglia della mia fidanzata saranno presenti. Non voglio che tu sia lì nei tuoi vestiti sporchi e rovini la mia immagine. Tutti mi chiederanno che cosa fai, e non voglio dover dire loro che sei solo una donna delle pulizie.”

Diana non riuscì più a trattenere le lacrime. Corse in camera sua e si chiuse dentro. Pianse per il resto della giornata perché era terribilmente ferita. Arnold era troppo occupato per controllarla e se ne andò per occuparsi dei preparativi del matrimonio. La celebrazione sarebbe stata tra due giorni.

Era domenica, il grande giorno tanto atteso di Arnold. E nonostante le proibizioni di suo figlio, Diana non si sarebbe persa un momento così bello. Si mise insieme e controllò il suo guardaroba, scegliendo l’abito più carino che aveva, poi si preparò.

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Unsplash
“Sei troppo giovane per capire il desiderio e il dolore di una madre. Non posso permettermi di perdere il tuo grande giorno, figlio. Vengo,” disse ad alta voce mentre si guardava allo specchio.

Diana imballò un vecchio vaso di ceramica che intendeva dare come regalo a suo figlio. Quando arrivò in chiesa, vide che i suoi colleghi e il capo erano già lì. Era felice e, per un attimo, dimenticò che Arnold le aveva chiesto di non partecipare al suo matrimonio.

“Ciao, Signorina Diana! Sono sicuro che tu sia la madre più felice sulla terra!” commentò il suo capo.

Diana sorrise e entrò con la pesante scatola dei regali. Guardò gli sposi scambiarsi gli anelli di matrimonio e poi baciarsi. Anche se avrebbe voluto, Diana non riuscì a trattenere le lacrime. Era felice. “Ce l’ho fatta!” disse.

Dopo il matrimonio, ebbe luogo una sontuosa ricevimento. Molti ospiti facoltosi affluirono al luogo per salutare gli sposi. Arnold vide sua madre avvicinarsi e fu scioccato. Alzò le sopracciglia con disgusto. “Perché è venuta? Le ho detto di non rovinare il mio giorno!” pensò.

“Congratulazioni, tesoro! Voi due sembrate incredibili! Auguri!” disse Diana, consegnando il regalo a suo figlio.

Arnold guardò intorno e si rese conto che il momento stava venendo fotografato. Non voleva fare una scenata, quindi prese timidamente il regalo da sua madre. Aprì leggermente la scatola e vide il vaso all’interno. “Mi ha dato un vecchio vaso che giaceva in casa? Che economico!” gemette.

Arnold si allontanò per gettare il regalo di sua madre che pensava fosse “immondizia”, ma fu interrotto dalla sua voce al microfono. Arnold impallidì di shock. Non sapeva che quel giorno, un segreto di venticinque anni che lei gli teneva nascosto, sarebbe stato svelato.

“Venticinque anni fa, pochi minuti prima che la mia migliore amica morisse…” cominciò Diana, che alzò rapidamente gli occhi al soffitto mentre le lacrime iniziavano ad affiorare.

“Mi ha dato un vecchio vaso e mi ha detto di darlo a suo figlio il giorno in

cui si sarebbe sposato. Era un regalo dei suoi genitori defunti, e voleva che suo figlio lo avesse.”

Arnold non capì cosa stesse dicendo sua madre.

“Dopo la sua morte, ho adottato suo figlio e l’ho cresciuto come se fosse mio. Non ho mai sposato nessuno perché volevo dedicare il mio tempo e il mio amore solo al mio bambino. Figlio, è ora di scoprire cosa ti ha lasciato tua madre defunta in quel vaso. Salute!” Diana alzò un bicchiere per brindare mentre un sorpreso Arnold ispezionava il vaso.

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pixabay
Era sbalordito. All’interno del vecchio vaso di ceramica c’erano mazzette di banconote. Le lacrime gli sgorgarono dagli occhi mentre cadeva in ginocchio.

Arnold capì che la donna di cui si vergognava non era sua madre biologica ma colei che aveva sacrificato tutta la sua vita per crescerlo. Era più di una madre per lui. Era il suo salvatore e il suo angelo custode che lo aveva salvato dopo che era rimasto orfano.

“Ho mantenuto la mia promessa alla mia amica defunta. Sono felice per te, figlio. Prenditi cura di te, e Dio ti benedica!” concluse Diana. Si avviò verso l’uscita per andarsene, ma Arnold non poteva lasciarla andare così. Corse dietro di lei e le bloccò la strada.

“Mamma, mi dispiace. Il tuo amore per me non ha prezzo. Mi dispiace per averti ferito. Non sono mai stato un buon figlio, ma tu sei sempre stata una buona madre per me. Perché non mi hai detto che ero un orfano? Per favore, non lasciarmi. Non voglio diventare di nuovo un orfano.”

Diana abbracciò Arnold, e tornarono sul palco, dove lo sposo ballò con sua madre.

“Ti amo, mamma!” sussurrò, e Diana sorrise, con le lacrime di gioia che le sgorgavano dagli occhi.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA