Tutto l’internet ha collaborato per determinare a cosa servisse questo strumento.

Hai mai pensato a come sono nati gli utensili da cucina di cui ci affidiamo ogni giorno? Oggi, facciamo un viaggio indietro nel tempo per esplorare la storia affascinante di uno di questi elettrodomestici essenziali: il mixer.

Нашли старую мясорубку? Не спешите выбрасывать!

I primi giorni della miscelazione
La nostra storia inizia a metà del XIX secolo, quando gli inventori di tutto il mondo sperimentavano modi per rendere il processo di miscelazione degli ingredienti più facile ed efficiente. Nel 1856, Ralph Collier, un lattoniere di Baltimora, brevettò il primo mixer con parti rotanti. Solo un anno dopo, E.P. Griffith introdusse la frusta, uno strumento rivoluzionario per mescolare gli ingredienti. Anche i fratelli Monroe, J.F. e E.P., lasciarono il loro segno con il loro frullino a rotazione manuale, che ottenne un brevetto negli Stati Uniti nel 1859.

Questi primi modelli attirarono l’attenzione della Dover Stamping Company, che acquisì il brevetto dei fratelli Monroe. I frullini Dover divennero un marchio americano molto amato, noto come il “frullino Dover”. Questi frullini erano così apprezzati che persino una ricetta del giornale Gazette di Cedar Rapids, IA, nel febbraio 1929, presentava il famoso frullino Dover in una deliziosa ricetta di dessert chiamata “Hur-Mon Bavarian Cream”.

L’era elettrica
Fu solo nel 1885 che il primo mixer elettrico fece il suo debutto, grazie alla mente ingegnosa dell’inventore americano Rufus Eastman. Tuttavia, fu la Hobart Manufacturing Company a rivoluzionare veramente l’industria con i loro grandi mixer commerciali. Nel 1914, introdussero un nuovo modello rivoluzionario che cambiò per sempre il panorama dei mixer.

All’inizio del XX secolo, due marchi americani di rilievo, Hobart KitchenAid e Sunbeam Mixmaster, divennero scelte popolari tra i consumatori. Ma nonostante la loro popolarità, i mixer elettrici domestici erano ancora una rarità nella maggior parte delle famiglie fino agli anni ’20, quando iniziarono ad essere ampiamente adottati per l’uso domestico.

Il mixer a stand: una svolta
Nel 1908, Herbert Johnston, un ingegnere della Hobart Manufacturing Company, ebbe un momento di intuizione mentre osservava un fornaio mescolare l’impasto del pane con un cucchiaio di metallo. Si rese conto che doveva esserci un modo migliore e si mise a creare una controparte meccanica per semplificare il processo.

Нет описания.

Entro il 1915, il mixer da 20 galloni di Johnston era diventato un’attrezzatura standard nella maggior parte delle grandi panetterie. Solo quattro anni dopo, nel 1919, la Hobart Manufacturing Company introdusse il Kitchen Aid Food Preparer, che divenne noto come il mixer a stand. Questa invenzione rivoluzionaria divenne rapidamente un elemento indispensabile nelle cucine di tutto il paese.

Dai frullini a rotazione manuale del XIX secolo all’introduzione dei motori elettrici e alla nascita del mixer a stand, questo utensile da cucina essenziale ha fatto molta strada. Ha subito numerose innovazioni per rendere le nostre vite in cucina più facili.

Quindi, la prossima volta che prepari una quantità di biscotti o mescoli un delizioso impasto per torte, prenditi un momento per apprezzare la ricca storia dietro il tuo fidato mixer. È una testimonianza dell’ingegno umano e del desiderio di semplificare i compiti quotidiani.

Oltre al mixer, un altro strumento da cucina versatile che ha una storia affascinante è il tritacarne. Conosciuto anche come “mincer” nel Regno Unito, questo elettrodomestico è stato utilizzato per tritare e mescolare carne cruda o cotta, pesce, verdure e altro ancora.

Il percorso del tritacarne risale al diciannovesimo secolo, quando Karl Drais inventò la prima versione di questo straordinario strumento. Inizialmente, i tritacarni erano a manovella, spingendo la carne attraverso una piastra di metallo con piccoli fori, risultando in lunghe e sottili strisce di carne.

Con i progressi della tecnologia e la disponibilità diffusa dell’elettricità, i produttori iniziarono a creare tritacarni elettrici. Questi moderni tritacarne elettrici consentono la lavorazione senza soluzione di continuità e uniforme di diversi chili di carne. Alcuni modelli sono addirittura dotati di accessori che aggiungono funzionalità, come la produzione di salsicce, kibbe e spremitura, che hanno notevolmente ampliato la gamma di applicazioni dei tritacarni.

Quindi, la prossima volta che triti carne per un piatto saporito o sperimenti con salsicce fatte in casa, ricorda il percorso e l’ingegno dietro il tuo tritacarne. È una testimonianza di come gli utensili da cucina si siano evoluti per rendere le nostre avventure culinarie più accessibili e piacevoli.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA