Se vedi un albero piegato nella foresta, inizia subito a guardarti intorno

Molto prima dell’era delle mappe e del GPS, i nativi americani tracciavano ingegnosamente sentieri attraverso fitte foreste piegando gli alberi.

Questa antica pratica prevedeva l’inserimento di un pezzo di albero in un buco e il permesso di farlo crescere attorno all’ostruzione.

Gli alberi, manipolati dalle mani dell’uomo, presentano caratteristiche distinte, come un naso evidente o una tacca all’estremità della curva.

Per distinguere questi alberi intenzionalmente modificati da quelli modellati dalla natura, gli osservatori possono cercare le cicatrici dove venivano posizionate le cinghie durante i primi anni degli alberi.

Le cicatrici servono come prova dell’intervento umano nel piegare questi alberi.

Questi straordinari segnavia, modellati dalle popolazioni indigene, hanno più di 150-200 anni.

Il sito web delle National American Forests evidenzia il significato storico di questi alberi,

spiegando che i nativi americani li usavano come segnavia permanenti, guidando i viaggiatori attraverso terreni impegnativi e indicando la strada verso risorse essenziali come acqua e cibo.

Sebbene i moderni metodi di navigazione abbiano reso questi “alberi dei sentieri” obsoleti, il loro valore storico e le loro storie uniche perdurano.

Il sito web Mountain Stewards ha svolto un ruolo cruciale nel preservare questi antichi segni mappando oltre 1.000 alberi piegati in tutto il paese.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA