I motociclisti vedono una gabbia abbandonata in mezzo a un campo. Ciò che trovano dentro cambia le loro vite per sempre

Nel gennaio 2015 fuori faceva freddo, così Bret Winingar e suo figlio Zach sono andati a fare un giro in moto attraverso la campagna dell’Arkansas.

Inaspettatamente notarono una gabbia per animali sul lato della strada, nascosta dietro alcuni cespugli.

Fermarono le biciclette e guardarono più da vicino perché ne avevano voglia.

Bret e Zach videro che la parte superiore del trasportino era stata completamente masticata. Sembrava che qualunque cosa ci fosse dentro stesse cercando disperatamente di uscire.

Non erano pronti per ciò che stavano per scoprire.

Bret Winingar e suo figlio sono usciti in bicicletta sulla strada aperta in una bella giornata di gennaio.

Padre e figlio stavano guidando attraverso una zona rurale a est di Little Rock, nell’Arkansas. Lungo la strada videro una cassa abbandonata tra i cespugli.

È stato detto loro di scendere dalle biciclette e di guardare dentro la scatola.

Ciò che trovarono all’interno fu terribile e cambiò la vita.

Bret e Zach videro che la parte superiore del trasportino era stata completamente masticata. Sembrava che qualunque cosa ci fosse dentro stesse cercando disperatamente di uscire.

Quando aprirono la scatola, ne uscì un grosso cane nero, quasi tutto pelle e ossa.

Hanno messo gli escrementi del cane dappertutto nella gabbia, e lei puzzava “così forte di morte che non potevamo sopportare di stare sottovento, con i suoi piedi bianchi macchiati di marrone per essere rimasto curvo nelle sue stesse feci”.

Questo povero cane era stato abbandonato per molto tempo. Poiché era bloccata all’interno della scatola di plastica, aveva tagli e graffi su tutto il corpo.

Hanno dovuto lasciare il cane perché stavano andando in bicicletta e dovevano prendere velocemente il camion di Zach e del cibo. Speravano che sarebbe stata ancora sul campo al loro ritorno.

Lei era ancora lì, in attesa.

Bret ha scritto sul suo blog: “Ero sicuro che fosse troppo tardi”. “Ma poi ho sentito un ringhio quasi impercettibile e ho pensato: ‘Se hai abbastanza forza per ringhiare, hai abbastanza forza per vivere’, e l’abbiamo caricata sul sedile posteriore del camion di Zach e ci siamo diretti casa.”

Il loro cane grato si chiamava “Charlie Bravo”, che è un riferimento alle motociclette Honda CB che stavano guidando quel terribile giorno.

Bret e la sua famiglia hanno portato Charlie dal veterinario dopo avergli fatto il bagno di cui aveva davvero bisogno.

Le sue unghie erano così lunghe che tornavano nelle zampe.

Riusciva a malapena a camminare perché faceva molto male.

Quando Charlie è stata trovata, i medici pensavano che avesse circa 8 mesi.

Bret non voleva accettare Charlie perché aveva già diversi cani.

Ma quando Charlie migliorò e la sua meravigliosa personalità venne fuori, Bret e la sua famiglia si innamorarono di lei e non potevano sopportare di rinunciarvi.

“Abbattendo i limiti, la storia della cassa di Charlie ha lasciato un segno indelebile in più di un modo”, condivide Bret.

“Charlie era abbandonata nella sua gabbia, pelle sopra le ossa, quando l’abbiamo trovata. Per noi, quella cassa è un’analogia per ogni persona che vive in una prigione autoimposta”.

“Potrebbe essere un lavoro senza uscita, una relazione violenta, una dipendenza da sostanze chimiche o alcol, o la cosa più restrittiva di tutte, la paura dell’ignoto.

Charlie sembra dolce, felice e bellissimo oggi. Possiamo farlo anche noi con un piccolo aiuto, ci dice.

La famiglia Winingar ha ricevuto molte donazioni per aiutare a pagare le spese ospedaliere di Charlie dopo che la sua storia è stata condivisa su Facebook.

Poiché i doni erano così tanti, la famiglia ha donato il denaro extra ai rifugi per animali della zona.

Charlie non sarà mai più lasciato solo o dimenticato.

Per favore CONDIVIDI l’incredibile viaggio di Charlie con i tuoi amici e familiari!

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA