Il ragazzo dà segretamente da mangiare al cane fuori dalla scuola ogni giorno e un giorno oro casa.

Il ragazzo era molto amichevole con il cane, era figlio di un poliziotto e gli dava da mangiare ogni giorno. Una volta il cane lo avvertì di una sorta di insicurezza.

Il ragazzo si chiamava Brian, aveva solo 12 anni ma sembrava più piccolo per la sua età. E suo padre non era affatto uguale, anzi, era molto alto, forte e si differenziava da tutti per il suo fisico.

Il padre non capiva perché il figlio fosse così timido e non gli somigliasse affatto. Per tutto il tempo cercò di aumentare la fiducia in se stesso del figlio, facendo di tutto perché cominciasse a volersi bene e a non essere timido.

 

Nonostante tutto questo, suo figlio era molto intelligente, gli era stata persino offerta una borsa di studio per una delle scuole più prestigiose della città. Aveva paura persino di salire sull’autobus per andare a scuola ed era molto insicuro di sé.

Per fortuna, la scuola era più vicina al luogo in cui il padre lavorava, così lo andò a prendere lì dopo la scuola. Il suo lavoro terminava solo alle 17.00, quando le lezioni del ragazzo erano già finite da un pezzo.

In inverno, il ragazzo aspettava il padre in biblioteca e faceva i compiti per tutto il tempo; quando fuori faceva caldo, si sedeva ad aspettare sui gradini vicino alla scuola.

 

Un pomeriggio, quando andò a scuola per accompagnare il figlio a casa, vide che non c’era. Il figlio si fermò davanti al cancello della scuola e accarezzò il cane. Il cane saltò sulle zampe posteriori e giocò con lui.

Lì era ben accudito. Giorno dopo giorno, il padre notò che il cibo veniva servito dal frigorifero o dalla credenza e ne intuì subito il motivo. Venne a sapere che il figlio dava da mangiare al cane e agli altri cani randagi della strada ogni giorno.

Per Brian era molto difficile comunicare con le persone, ma il padre ha visto come ha trovato rapidamente un linguaggio con i cani. Pensava che potessero essere pericolosi per lui, ma il figlio non lo ascoltava.

I genitori si sono riuniti e gli hanno spiegato che è molto pericoloso essere amici di tutti i cani randagi della strada, possono fargli del male. Potrebbe avere paura di loro, potrebbero anche morderlo e fargli male.

Ma il ragazzo non ha voluto ascoltarli, ha detto che sono tutti buoni e che si fida di loro. Brian ha spiegato che non gli avrebbero fatto del male perché sono molto intelligenti.

Per il padre è stato molto difficile ammettere che in realtà voleva che il figlio interagisse con loro come lui interagisce con i cani. Era solo geloso del tipo di comunicazione che avevano. H

ava solo che Brian fosse più aperto con loro, voleva che raccontasse di più della sua vita e delle sue lezioni, per esempio. Se ne vergognava.

Se è stato interessante, condividetelo con i vostri amici e familiari!

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA