Una cagnolina maltrattata e monca risorge dalle sue ceneri grazie a

L’Isola della Riunione non è risparmiata dagli abusi sugli animali. L’associazione APEBA, presente sull’isola, si batte senza sosta per salvare, riabilitare e trovare nuove case a canini e felini in difficoltà. La Fondation 30 Millions d’Amis ci ha raccontato la storia di Lovely, un cane che ha fatto molta strada.Nel comune di Tampon, sull’Isola della Riunione, alcuni mesi fa qualcuno ha segnalato che una cagna Staffordshire Bull Terrier giaceva sotto la pioggia nel giardino di una casa.Illustration : "Une chienne maltraitée et rachitique renaît de ses cendres grâce à la bienveillance de ses soigneurs"

L’Association pour l’Éducation à la Bienveillance Animale (APEBA) è intervenuta senza indugio. All’arrivo, Caroline Baroche, presidente dell’organizzazione, ha potuto solo vedere l’orrore. “Era congelata. Non riusciva più a stare in piedi. Quando ho visto la sua espressione, ho iniziato a piangere”, si è lamentata.

La cagnolina di 9 anni, di nome Lovely, pare sia passata di padrone in padrone fino all’ultimo che la visitava solo una volta alla settimana senza darle cibo e acqua.

Lovely è stato portato alla clinica veterinaria. La sua prognosi era vitale. Soffriva di grave malnutrizione e cachessia. Il suo peso era di soli 8 kg, mentre avrebbe dovuto essere di almeno 15 kg.

Lovely è stata messa in un’incubatrice per aumentare la temperatura corporea e le sono stati somministrati liquidi per via endovenosa per reidratarla e fornirle i nutrienti necessari. “Senza questo salvataggio, non sarebbe sopravvissuta al fine settimana. È una vera e propria operatrice di miracoli”, ha detto Caroline.Illustration : "Une chienne maltraitée et rachitique renaît de ses cendres grâce à la bienveillance de ses soigneurs"

Fortunatamente, Lovely ha dimostrato una capacità di recupero senza pari. Grazie all’attenzione quotidiana dei suoi soccorritori, si è ripresa. Infatti, dopo alcuni giorni di terapia intensiva, è potuta tornare nel canile del rifugio dove ha continuato la sua remissione.

“Ora pesa 16 chili. Le abbiamo preparato del buon cibo. È così avida che dobbiamo regolamentarla! È così grata. È un tesoro incredibile”, disse Caroline, felice di vederla così.

Oggi, Staffie è pronta per essere adottata in una casa amorevole che si prenderà cura di lei come merita.

Allo stesso tempo, l’APEBA ha presentato una denuncia per privazione di cibo contro il proprietario dell’animale e la Fondation 30 Millions d’Amis ha intentato una causa civile. L’uomo dovrà ora rispondere delle sue azioni in tribunale.

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA