In 5 mesi, questa donna ha ridotto il tasso di eutanasia dei cani da ricovero dal 100% allo 0%.

Kayla Denney ha sempre saputo di voler dedicare la sua vita alla lotta per gli animali. Tuttavia, quando le fu affidato il rifugio di Taft, in Texas, sapeva che sarebbe stato uno dei lavori più difficili della sua vita. Il posto era in disordine e centinaia di cani stavano arrivando per trascorrere i loro ultimi giorni prima di essere tristemente eutanasia. Fare la differenza non sarebbe facile.Kayla Denney chien sauvé

Mercoledì era il giorno in cui avrebbero posto fine alle loro vite. È stato terribile. Per cominciare, non c’era elettricità in tutto l’edificio. C’era solo un tubo per pulire le gabbie. C’era solo qualcosa in grandi quantità e aveva a che fare con la sostanza chimica mortale con cui avevano “risolto” il problema del gran numero di cani che continuavano ad arrivare. Era semplicemente scandaloso, ma Kayla era la persona che faceva sparire tutto.

Gli animali sembravano molto tristi. Anche l’edificio sembrava riluttante a fare qualcosa. Era ora di cambiare.Il primo giorno, Kayla ha incontrato il capo della polizia John Cornish e hanno scoperto di avere un obiettivo comune: fare del rifugio un luogo in cui nessun animale perda la vita. Hanno elaborato un piano meticoloso e da allora non hanno visto altro che questo bellissimo sogno realizzarsi davanti ai loro occhi.
Kayla è riuscita a creare una rete di persone disposte a lottare per i cani. Ha contattato oltre 3.000 volontari che si sono fatti avanti per fornire case temporanee e permanenti e molte donazioni. Attraverso i social media, è stato possibile vedere l’enorme cambiamento che ha avuto nel rifugio.Petco Foundation Unsung Hero

Questo non ha fatto altro che ispirare sempre più persone a partecipare a questa bellissima trasformazione. Il risultato è un vero successo: nei cinque mesi di somministrazione, non un solo cane ha ricevuto l’iniezione mortale e ingiusta.
Kayla riceve quotidianamente i ringraziamenti di tutti i pelosi, ma ha anche vinto importanti premi in denaro che le hanno permesso di continuare a dare il massimo per il suo rifugio. Ha grandi progetti per utilizzare questi fondi per rendere i cani molto felici.

Voglio che ci sia un’area erbosa dove possano giocare e incontrare le famiglie. Non è giusto che siano sempre nel cemento.

Non c’è dubbio che Kayla meriti questo premio. Il suo rifugio è diventato completamente irriconoscibile grazie a lei e le espressioni tristi dei cani appartengono al passato.

Condivide questa nota a sostegno del rifugio Taft. Nessun cane merita di perdere la vita con un’iniezione senza aver prima conosciuto l’amore di una famiglia.

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA