Un volontario di Bakhmut è stato evacuato con 24 gatti e due cani. La parte più difficile è trovare una nuova casa

La volontaria Victoria Chernetskaya è riuscita a portare 24 dei suoi gatti e due cani fuori dai bombardamenti a Bakhmut.

Viktoria era già scappata da Horlivka nel 2014, in fuga dalle ostilità, purtroppo ora ha dovuto perdere la sua casa per la seconda volta. Sia gli animali che il volontario sono ora al sicuro e si sono stabiliti nella regione di Kiev.

Quando è fuggita da Horlivka, devastata dai russi, nel 2014, è andata a Kiev e ha iniziato a salvare gli animali. “Il primo cane che ho nutrito, Bireza, era così affettuoso che ho voluto prenderlo con me”, ricorda la volontaria.

L’anno scorso, Victoria è tornata nella regione di Donetsk e ha comprato una casa a Bakhmut. “All’epoca ne avevo 16, li raccoglievo qua e là e cercavo di trovare loro dei proprietari, ma era difficile, così ho dovuto tenerli”, racconta Viktoria.

Nella nuova casa, ha accolto altri sei gatti nella sua già numerosa famiglia. Ma meno di un anno dopo, la guerra la raggiunse di nuovo. Siamo bombardati 24 ore su 24″. Questi orribili suoni di guerra fanno rimbalzare la casa su e giù. Quando c’è stata un’esplosione vicino a noi, tutti si sono nascosti e i cani erano molto spaventati e si sono aggrappati a me tutto il tempo”, ricorda la soccorritrice.

I volontari l’hanno aiutata a fuggire dal bombardamento insieme a quasi tre dozzine di animali. E poi l’intera famiglia allargata di Victoria si è data da fare per cercare una nuova casa. “All’inizio ci hanno offerto e poi, ‘Oh, così tanti gatti’, questa era l’opzione peggiore, ci hanno fatto entrare qui”, la donna mostra la nuova casa.

Si trovava in un villaggio a quasi cento chilometri da Kiev. La casa, ereditata da conoscenti lontani, non ha né gas né acqua. È stata fortunata perché i volontari hanno donato cibo preparato per gli animali, mentre lei si accontenta di cibo semplice. Victoria sta imparando a vivere in queste condizioni e dichiara che non c’è altro modo perché questi animali sono la sua famiglia.

 

Ora Victoria è alla ricerca di una casa che accolga lei e i suoi animali, vuole tornare al suo lavoro di avvocato e sogna di porre fine alla guerra e tornare a casa il prima possibile. “Vorrei che tutti prendessero un gatto dalla strada, un cane dalla strada o da un rifugio. Se tutti prendessero un povero randagio alla volta, non ci sarebbe il problema del randagismo”, è convinta.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA