“Non lasciare la mia zampa”.

Alcuni cani, proprio come gli esseri umani, vogliono il loro spazio privato. Vogliono sdraiarsi e meditare, mangiare, assaporare da soli, riposare. Ma un piccolo di nome Stanley non è uno di loro.

“Non lasciare la mia zampa”. Il cane aveva talmente paura di essere abbandonato che non lasciava la mano dell’uomo che lo aveva preso dal rifugio.

Un anno e mezzo fa, un uomo di nome Sam lo ha preso da un rifugio in Nuova Zelanda. Da quando si sono incontrati, il cucciolo maltrattato e impaurito del rifugio è diventato un vero e proprio attaccabrighe.«Не отпускай мою лапу». Собачка так боялась, что его бросят, что не отпускает руку человека, взявшего его из приюта

All’inizio si rifiutava persino di lasciare la mano del suo padrone ed è rimasto con lui per quasi 24 ore. La sua proprietaria dice che il contatto con il padrone lo faceva calmare, mentre a volte era troppo insistente nell’elemosinare affetto e questo non poteva che metterlo a disagio.

“Non lasciare la mia zampa”. Il cane aveva talmente paura di essere abbandonato che non lasciava la mano dell’uomo che lo aveva preso dal rifugio.

Sam ha detto di ricordare di aver incontrato il suo animale domestico per la prima volta. Faceva volontariato e spesso aiutava a portare a spasso i cani. Così ha trovato un cane con due cuccioli di sei mesi e Sam è stato incaricato di occuparsi di uno di loro.«Не отпускай мою лапу». Собачка так боялась, что его бросят, что не отпускает руку человека, взявшего его из приюта

L’incontro con il proprietario è stato stressante per il cucciolo. Ha avuto paura di uscire dall’auto solo per un’ora e si è guardato intorno con timore. Dopo un po’ si è adattato alla vita in appartamento, ha imparato a mangiare e a bere dalla sua ciotola e si è affezionato al suo proprietario.

“Non lasciare la mia zampa”. Il cane era così spaventato dall’abbandono che non voleva lasciare la mano dell’uomo che lo aveva preso dal rifugio.

Si arrampicava sul suo letto e si sistemava accanto a lui in modo tale da essere sicuro di toccarlo. Non appena Sam cambiava posizione, il cane faceva lo stesso. Anche quando è cresciuto, non ha perso questa abitudine.

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA