Case insolite di diverse tribù africane. Sarete sorpresi

Nel nostro mondo moderno ci sono popoli che non sono ancora stati toccati dalla civiltà. Queste tribù selvagge vivono come centinaia di anni fa. Ad esempio, in Africa esistono alcune delle case più insolite, realizzate con materiali che noi non penseremmo mai di costruire.

Queste persone hanno costruito case scavando nicchie nella roccia per centinaia di anni. E si può vedere come lo fanno bene. Questa roccia calcarea permette di costruire abitazioni a più piani. A proposito, in una casa del genere farà fresco e la temperatura sarà sempre la stessa.

Le stanze sono collegate da lunghi tunnel, come se le strade fossero sotterranee. Anche i mobili di queste case sono in pietra calcarea, tagliati insieme alla costruzione dell’abitazione stessa. Le pareti non hanno carta da parati, ma sono decorate con vari animali mitici.

Questa tribù conduce uno stile di vita nomade. Si spostano da un luogo all’altro, insieme al loro bestiame, alla ricerca di nuovi pascoli. Di norma, i loro alloggi sono temporanei e improvvisati. I Karaka costruiscono le loro case con lunghi tronchi d’albero e ramoscelli sottili, e riempiono le fessure con sterco di mucca mescolato a sabbia ed erba. Non ci sono finestre in queste abitazioni, perché vengono usate solo per dormire e durante il giorno svolgono le loro attività quotidiane all’esterno.

La loro occupazione principale è l’allevamento di bestiame e l’agricoltura, motivo per cui le loro case hanno questo aspetto.

Utilizzano tronchi spessi per creare un’intelaiatura, poi la ricoprono con steli di riso ed erba secchi, una sorta di covoni, con un piccolo foro come ingresso.

Le case dei pigmei sono fatte di spessi bastoni legati con viti e ricoperti di foglie di palma.Queste case vengono portate in giro dalle persone che si dedicano principalmente alla raccolta.

Questa tribù si aggira negli Stati del Ciad e del Camerun. Poiché si tratta di un’area prevalentemente paludosa, i materiali da costruzione sono scarsi. Per questo motivo si utilizzano sabbia, argilla e vari terreni paludosi. Queste case hanno le forme più insolite, ma sono molto armoniose nel paesaggio locale.

La superficie della casa, chiamata musgum-tolek, è necessariamente nervata. Questo ha senso: la pioggia che scorre sull’argilla secca non erode le pareti e c’è un foro nella parte superiore per la ventilazione.

Questa è la Venezia dell’Africa. Qui le case poggiano su palafitte conficcate nel limo.Ci sono intere vie d’acqua e percorsi

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA