Una coppia ha sentito un suono incomprensibile da un bidone della spazzatura ed era un gattino

Un marito e una moglie della contea di Fresno sono andati a fare una passeggiata, il loro percorso li ha portati davanti al dipartimento dell’istruzione della contea ed è stato qui che una semplice passeggiata pomeridiana si è trasformata in una vera operazione di salvataggio.

Jennifer e Jim Jovino si misero a passeggiare per la città per un po’, ma mentre giravano in uno dei vicoli del centro, improvvisamente sentirono un pianto.

Il suono era molto tranquillo, Jennifer pensò che fosse il trillo di un uccello, ma la coppia si fermò comunque e ascoltò attentamente. Dopo pochi secondi ci fu un forte miagolio, e fu subito chiaro che non era affatto un uccello, ma un gatto che chiedeva disperatamente aiuto.

La coppia si rese conto che il suono proveniva dal bidone della spazzatura, ma non c’era modo di andare a guardare dentro, perché il bidone era in un cortile con una recinzione di metallo e un cancello. “Sapevamo che il gattino era nel bidone, ma non potevamo vederlo perché era in profondità e il cancello ci impediva di avvicinarci”, dice Jennifer.

La gente del posto è venuta in soccorso della famiglia Jovino. Sei uomini portarono degli attrezzi e cominciarono ad aprire il cancello. Non appena le serrature hanno ceduto e la via è stata aperta, Jennifer è corsa immediatamente alla vasca per aiutare l’animale. Il gattino si è rivelato molto timido e quando ha visto un uomo accanto a lei, si è precipitato per scappare in preda al terrore. Il bambino saltò fuori dal cancello e si nascose sotto una delle macchine parcheggiate nel vicolo.

“Immediatamente il gattino ha strisciato sotto il furgone e poi, con nostro orrore, è arrivato al motore.

L’uomo ha dovuto aprire anche il cofano del furgone, per fortuna sono riusciti a trovare il bambino sotto il cofano e a tirarlo fuori delicatamente. Jennifer dice di essersi sentita veramente sollevata solo quando ha avuto il bambino tra le braccia.

Sono riusciti a trovare una maglietta per il bambino, che hanno avvolto in modo che non scappasse di nuovo. Dopo alcuni minuti di carezze e mordicchiamenti, il gattino si rilassò e fece le fusa, scappare dalla gente non era più nei suoi piani.

 

“Era ancora diffidente nei nostri confronti, ma il calore e l’affetto lo hanno reso molto più amichevole”.

 

Il gattino si chiamava Fulton. Non passò molto tempo prima che il piccolo si fidasse completamente degli umani, si sistemò comodamente in una maglietta ed era più che felice di lasciarsi accarezzare.

 

La famiglia Iovino ha consegnato il gattino all’organizzazione californiana per la protezione degli animali, dove hanno subito trovato un gruppo di gattini, salvati dalle strade, che avevano già vissuto lì.

A Fulton piace molto la sua casa temporanea, perché è sicura, calda, sempre con cibo e compagni con cui giocare.

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA