Un uomo ucraino ha portato in salvo un pastore tedesco anziano sulle sue spalle quando non poteva più camminare

Più di 2 milioni di ucraini hanno attraversato la Polonia per sfuggire alla guerra, e molti hanno portato i loro amati animali domestici. Tuttavia, il viaggio per mettersi in salvo è stato lungo e difficile per la maggior parte, specialmente per gli animali domestici anziani.

Cani e gatti sono parte della famiglia, e molti ucraini stanno scegliendo di salvare i loro animali domestici a tutti i costi.

Ucraini in fuga con i loro animali domestici

Pubblicato da Pray For Ukraine il sabato 26 febbraio 2022

Alise Teptiuk, suo marito e i loro due bambini si sono uniti a innumerevoli altri che stavano fuggendo da Kyiv. Hanno preso solo l’essenziale e il loro amato cane, Pulya.

Hanno caricato in una macchina insieme a sua madre, il suo cane, sua sorella e suo marito e si sono diretti verso il confine. Tuttavia, la fila si estendeva per chilometri quando arrivarono. Invece di aspettare per giorni in macchina, hanno deciso di camminare per i restanti 17 km (oltre 10 miglia) fino al confine.

Il pastore tedesco di quasi 13 anni ha iniziato a camminare con la sua famiglia in fuga, ma il faticoso viaggio le ha imposto un pedaggio e presto non è più riuscita a camminare.

Ma la sua famiglia si è rifiutata di lasciarla indietro.

“Il mio cane ha 12 anni e mezzo e faceva fatica a camminare, cadeva ogni chilometro circa e non riusciva più ad alzarsi. Ho fermato le macchine e ho chiesto aiuto ma tutti si sono rifiutati; ci hanno consigliato di lasciare i cani. Ma i nostri cani fanno parte della nostra famiglia. Il mio cane ha vissuto tutti i momenti felici e tristi con noi. Il cane della mamma è tutto ciò che le è rimasto della sua vita precedente. Così mio marito, a volte, ha portato il nostro cane sulle sue spalle”, ha detto Alise al Guardian.

Una foto del cane anziano portato sulle spalle dal suo devoto papà è diventata virale. Alise ha scattato la foto mentre camminava dietro suo marito e non si aspettava che avesse un tale impatto sul mondo.

È il ritratto definitivo dell’amore incondizionato.

Alise, sua madre, sua sorella e tutti i loro figli e cani sono arrivati sani e salvi in Polonia, ma suo marito e il marito di sua sorella sono rimasti in Ucraina. “Mio marito è una grande parte di me, è il mio migliore amico, assistente, consigliere. Il nostro amore sconfinato è ciò che mi dà forza ora”, ha detto.

Purtroppo, la famiglia sta ancora facendo i conti con la morte inaspettata del padre di Alise, avvenuta un giorno prima dell’invasione russa.

Pulya continua ad essere una fonte di conforto e amore per la famiglia in questo momento difficile. Alise ha detto a DogsLive: “Oggi è viva e sta bene, è un simbolo di amore, devozione, determinazione, rappresenta la nostra famiglia, le vite che avevamo, le vite che abbiamo lasciato. Pulya è la nostra unica costante in tutta questa follia”.

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA