I soccorritori sfidano la lotta per liberare il leone solitario dalla guerra in Ucraina

Milioni di ucraini sono fuggiti dal loro paese da quando è iniziata l’invasione russa dell’Ucraina, spesso con i loro amati animali domestici al seguito.

Ma molti animali più grandi, in particolare quelli selvatici, non possono essere facilmente evacuati o portati in salvo. Un leone solitario di nome Mir è stato uno di quegli sfortunati animali intrappolati in Ucraina dall’inizio della brutale invasione russa.

Fortunatamente, un gruppo di soccorso ucraino chiamato Warriors of Wildlife (WOW) è venuto a conoscenza della situazione di Mir e, con il supporto di Greater Good Charities e The Animal Rescue Site, ha lavorato instancabilmente per salvarlo.

I soccorritori hanno scoperto il leone solitario mentre stavano salvando Masha, un orso da circo eurasiatico che ha passato 19 anni costretto ad esibirsi vivendo in una minuscola gabbia.Foto: Warriors of Wildlife
Quando i soccorritori hanno trovato Mir, il leone viveva in un recinto piccolo e sporco. Non solo lo spazio era troppo piccolo per un leone adulto, ma l’acqua di Mir era anche sporca e congelata, mentre carne vecchia, ossa e feci si accumulavano intorno alla sua gabbia.

E mentre le bombe cadevano intorno a lui, il leone terrorizzato non aveva modo di sfuggire alla guerra.

Incontra Mir . Durante il trasferimento di emergenza di Masha (orso bruno eurasiatico) dall’Ucraina alla Romania, il nostro Team è stato avvisato…

“Situato in una delle zone occidentali dell’Ucraina non lontano da Lviv, questo ragazzo non aveva un posto dove andare tra i disordini in corso dell’invasione russa in Ucraina”, ha scritto WOW su Facebook. “Essendo tenuto in una gabbia coperta di sporcizia e mancanza di acqua potabile pulita, il suo futuro sembrava essere inesistente”. Ma i soccorritori sono rimasti determinati a portare in salvo questo bellissimo leone. La missione di salvataggio avrebbe comportato l’evacuazione del leone attraverso una zona di guerra attiva, ma i coraggiosi soccorritori non si sono fatti scoraggiare dal pericolo.

“Proprio come molte altre persone e animali in tutta l’Ucraina, ogni giorno per Mir è stato completamente terrificante”, ha scritto WOW, che ha arruolato il supporto di Greater Good Charities e Animal Rescue Site per condurre questa missione di salvataggio. “Lasciarlo indietro non era un’opzione”.

I soccorritori hanno deciso che la migliore possibilità per Mir sarebbe stata quella di attraversare il confine con la Romania, dove il leone avrebbe potuto riprendersi in uno zoo locale mentre i soccorritori si organizzavano per trasferirlo in un santuario della fauna selvatica in Sud Africa.

Naturalmente, spostare un animale delle dimensioni di Mir non è mai un’impresa semplice. Questa complessa logistica è stata ulteriormente complicata dalla guerra.
Fortunatamente, la prima parte del viaggio di Mir (dall’Ucraina alla Romania) si è svolta senza intoppi, secondo i soccorritori, che hanno trasportato il leone in sicurezza in una struttura di detenzione in Romania.
“Ora è entrato in sicurezza in Romania, dove lo porteremo in uno zoo che può tenerlo temporaneamente mentre lavoriamo alla logistica rimanente”, hanno scritto i soccorritori. WOW trasporterà il leone in “un’area adatta alla sua specie dove potrà vivere in pace e godersi l’essere un leone” il prima possibile.

Naturalmente, il lieto fine di Mir non sarebbe stato possibile senza i lettori di Animal Rescue Site, le cui generose donazioni hanno contribuito a fornire i mezzi per salvare questo leone dalla guerra di Urkaine.


Foto: Warriors of Wildlife
“Il nome di Mir significa “pace” in ucraino”, hanno spiegato i soccorritori. “Noi speriamo nella pace. Preghiamo per la pace, e continueremo ad assistere il più possibile”. Grazie per aver dato anche a Mir la possibilità di sperimentare la pace!

Per favore fai una donazione per aiutarci a salvare gli animali selvatici dalla guerra in Ucraina. Con il tuo sostegno, possiamo aiutare altre vittime innocenti di questa guerra straziante.

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA