Un ragazzo aiuta una famiglia ucraina a trovare un rifugio sicuro per non abbandonare il suo cane

Questo giovane uomo sta aiutando una famiglia ucraina che ha dovuto rinunciare a tutto per trovare rifugio e non abbandonare il loro amato cane.

Il giovane, Aaron Jackson, fondatore di Planting Peace, un’organizzazione non-profit con sede negli Stati Uniti, ha recentemente deciso di dirigersi verso il confine polacco-ucraino dopo aver appreso la situazione in cui si trovano migliaia di rifugiati ucraini che cercano di sfuggire al conflitto in corso nel paese.

Familles ukrainiennes dans des camps de réfugiés

Aaron ha detto a The Dodo:

Fondamentalmente, stavo leggendo le notizie e guardando le immagini un paio di settimane fa, quando tutto è iniziato. Ho visto una storia su questi rifugiati che vivevano in una stazione ferroviaria e su come faceva molto freddo, e circa due ore dopo aver letto quella storia ho comprato un biglietto aereo e sono volato quel giorno.

L’idea iniziale di Aaron non era solo quella di concentrare il suo lavoro sulle famiglie con animali domestici, ma quando è arrivato al confine ha potuto vedere il grande bisogno di aiutare le persone e i loro animali domestici.

Il giovane dice:

Due milioni di persone hanno lasciato l’Ucraina e la maggior parte di loro è andata in Polonia, quindi è diventato incredibilmente difficile trovare un alloggio. È ancora più difficile se hai un gatto o un cane, perché i posti sono limitati e non tutti accettano animali.
Questo ragazzo e la sua squadra monitorano i rifugi per animali e trovano modi per aiutare con la crisi, hanno lavorato duramente per identificare le persone con animali domestici che hanno bisogno di case, e recentemente è stato in grado di aiutare una famiglia ucraina Chi non voleva una casa, dare il tuo cane

Mentre Aaron stava parlando con il direttore di un rifugio locale dei loro bisogni, si è imbattuto in una famiglia ucraina che viaggiava con un bellissimo cocker spaniel di nome Bella.

Fille réfugiée et son animal de compagnie

Dopo aver parlato con la famiglia, il responsabile del rifugio ha spiegato ad Aaron che erano rifugiati ed erano lì per lasciare il loro amato cane perché non avevano altro posto dove andare e non volevano che avesse freddo e fame.

Fortunatamente, il giovane è riuscito a trovare loro una casa dove poter stare con Bella in soli 20 minuti. La famiglia era davvero felice e grata di poter continuare insieme.

Ha detto Aaron:

È stato davvero incredibile che le stelle si siano allineate così.

Oltre ad aiutare le famiglie a trovare case sicure, Planting Peace dona anche cibo per animali e trasportatori per i nove principali centri di rifugiati lungo il confine. Aaron vuole che le persone e i loro animali domestici trovino cibo sano dopo il loro difficile viaggio.

Aaron ha aggiunto:

Ci sono queste famiglie che hanno percorso 100 miglia, 300 miglia per arrivare al confine e hanno percorso 50 di queste miglia con un cane sulla schiena. Quindi, se una persona è disposta a farlo per il suo cane, non spetta certo a me dire: ‘Devi liberarti del tuo cane per trovare una sistemazione’. Cercherò di fare tutto il possibile per dare a loro e al loro animale domestico una casa, soprattutto perché hanno già rinunciato a così tanto.

Grazie agli sforzi di persone come Aaron, molte famiglie hanno potuto stare con i loro animali domestici e trovare cibo e conforto per superare questo momento difficile.

Immagini: Facebook / Planting Peace

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA