Il Maryland si unisce a New York per vietare la declavizzazione dei gatti

New York ha approvato una legge nel 2019 ed è diventato il primo stato degli Stati Uniti a vietare la declavizzazione dei gatti. Il Maryland è ora pronto a seguire.

La declavizzazione dei gatti è un processo che rimuove il letto ungueale di un felino così come l’unghia insieme a parte dell’osso.

Secondo coloro che sostengono il divieto, tra cui la Humane Society, il declawing è disumano perché non è necessario e può portare a problemi fisici e comportamentali duraturi.


Nel Maryland, l’unico modo in cui si potrà legalmente declavare un gatto è se c’è una condizione medica che lo rende necessario per la salute e il benessere del felino.

Sarà illegale per i veterinari declaware i gatti per motivi estetici o perché è più conveniente per la gestione.


Secondo il delegato statale del Maryland Lorig Chakoudin, come è stato riportato dal Washington Post: “Quando la gente ci mette la testa intorno, l’idea che noi mutiliamo per proteggere un oggetto d’arredamento è ripugnante per la gente”.

Se un veterinario viene sorpreso a declavare i gatti, potrebbe essere accusato di 5000 dollari per la prima infrazione e fino a 10.000 dollari per la seconda. Una sospensione o revoca della loro licenza può anche essere sul tavolo.

Anche la PETA interviene sul suo sito web, dicendo: “Il declawing è una mutilazione violenta, invasiva, dolorosa e non necessaria che comporta 10 amputazioni separate – non solo delle unghie dei gatti ma anche delle loro articolazioni. Il declawing è sia doloroso che traumatico, ed è stato messo fuori legge in Germania e in altre parti d’Europa come forma di crudeltà”.

 

Like this post? Please share to your friends:
BELLA NOTIZIA